Sa Creazione – argomentu poeticu cantadu in occasione de sa festa de Santa Lughia in Oschiri, s’annu 1912.

Questo articolo è dovuto a un libretto, intitolato “Sa Creazione”, ed è il frutto di un fortunoso ritrovamento di un manoscritto, che ci consegna la testimonianza di una serata di cultura poetica che si svolse a Oschiri, nel 1912, in occasione della festa patronale di Santa Lucia e San Demetrio. Il comitato organizzativo invitò per la serata quattro poeti, Antonio Cubeddu, Gavino Contini, Giuseppe Pirastru e Sebastiano Moretti e affidò loro un tema con il quale, con l’arte della poesia estemporanea, avrebbero dovuto intrattenere la popolazione presente. Il tema fu appunto quello della Creazione. A sorte vennero indicati i ruoli ricoperti dai poeti, e lo potremo leggere più avanti. L’intenzione, caricando questa poesia in rete, è quella di consegnare questa pietra miliare della poesia estemporanea sarda alla più ampia diffusione, per far uscire dall’oblio questo raro esempio di Arte poetica colta, che non era appannaggio esclusivo di altre terre, ma che anche la Sardegna sapeva produrre.

Nel libercoletto, edito dalla Torchietto di Ozieri, Tullio Masala fa una breve introduzione, dando notizia dei poeti che cantarono questa meravigliosa improvisada. Purtroppo, come spesso fa chi scrive una qualunque cosa e da per scontato che chi legge, in ogni tempo, sappia di cosa si sta parlando, Masala omette di dare notizie biografiche su tre dei quattro poeti che presero parte alla serata, perché dice che

chi segue la serie delle pubblicazioni di questa collana, i nomi di tre poeti sono quelli di vecchie conoscenze: gli ozieresi Antonio Cubeddu e Giuseppe Pirastru con Gavino Contini di Siligo sono stati oggetto di precedente trattazione e quindi ritengo superfluo dilungarmi in note biografiche, che saranno piuttosto concise.

Per cui lasceremo, anche in questa sede, l’onere della ricerca a chi fosse interessato di scoprire tali notizie biografiche su Cubeddu, Pirastru e Contini.

Però Masala riporta le notizie sul quarto, appunto:

Vi è un nome nuovo per la nostra raccolta: Sebastiano Moretti. Su questo poeta ritengo doveroso soffermarmi un tantino di più riportando notizie biografiche che sono riuscito a raccoglie-re; e qui mi viene in aiuto prezioso l’amico Paolo Pillonca che di lui, nella “Nuova Sardegna” del 3/1/74 così scrisse: “Sebastiano Moretti (Tresnuraghes 1868-1932) fu abilissimo improvvisatore e ragionatore molto sensato. Sapeva adattarsi con estrema facilità tanto alle parti austere quanto a quelle brillanti. Le sue doti mimiche e la straordinaria vena comica supplivano alla deficienza della voce che aveva debole.
È anch’egli fra i sette più famosi improvvisatori degli anni venti ce un’ottava adespota ci ha elencato nelle caratteristiche:

Segundu su criteriu e sa giuria
Creu in Cubeddu unu fulgidu astru,
In Testoni potente poesia,
S’eleganzia, su geniu in Pirastru,
S’eloquenzia in Antoni Andria,
In Contini s’artista e veru mastru;
Farina pro satira geniale,
Moretti pro profundos ideales.*

Ma ora lasciamo spazio alla poesia. Ribadisco: estemporanea, cantata dal palco di Santa Lucia, a Oschiri, 102 anni fa.

Sipario.


Argumentu poeticu cantadu in rima sarda dialettale 

dai sos menzus poetas estemporaneos de sa Sardigna

 Antonio Cubeddu de Ozieri

Gavinu Contene de Siligo

Giuseppe Pirastru de Ozieri

Sebastiano Moretti de Tresnuraghes

in occasione de sa festa de Santa Lughia in Oschiri, s’annu 1912

 

TEMA: SA CREAZIONE

Su Criadore – Adamu – Eva – Su Serpente

 Fattu su sorteggiu toccada a:

Cubeddu a fagher sa parte de su Criadore

Contini rappresentada Adamu

Pirastru rappresentada Eva

Moretti rappresentada Su Serpente


 

CUBEDDU

Pr’ordine de s’illustre Comitadu

Connoscher fatto a sa pobulascione

Chi pro tema nos hant raccumandadu

De presentare sa Creazione.

De Deus tottugantu s’operadu,

Adamu, Eva sa tentascione

E a mie toccad’est s’alt’onore

Fagher sa parte de su Criadore.

 

Criadore (Cubeddu)

“Poi de haer sa terra criadu

Informe caos, nuda, iscurigada

E de abbas profundas carralzada

In custa prima ora happo pensadu

Chi bisonzat sa lughe; a sa nada:

“Siat fatta sa lughe” e presentada

S’est, bettende brillante risprendore

Distruende s’immensu iscurigore.

 

Sa lughe est bella e piaghet a mie

Giustu s’iscopu meu soberanu.

S’iscurigore ispait e gasie

A vista giara s’idede a lontanu

Cun sa lughe de sero e de manzanu

Si forma custa bella prima die

Gasi, sa lughe die enit giamada

S’iscuru notte, a die terminada.

 

Fatta sa lughe a cumprimentu

Pro volontade mia e pro merittu

In sa sigunda die happ’eo tentu

Su piaghere e podere infinitu

De narrer: “Siat fattu su firmamentu”.

Subitu de colore biaittu

Si format su celeste immensu mantu

Cantu est abb’e terra mannu tantu.

 

 

Sa terza die de si rettirare

S’immensa unda de s’abba cumando

A unu logu, e si formet su mare,

Ei sa terra chi si asciuttet tando.

Appenas asciuttada raccumando

Rios, trainos, funtanas criare

Erbas, fruttos de tottu sos sabores

Piantas fioridas e fiores.

 

Cun bidea Divina non comuna

Che Re Onnipotente portentosu

In sa quarta die tottu in una

Pensende su ch’ancora est bisonzosu

Chelzo chi sas istellas sol’e luna

Rendat su firmamentu luminosu;

E bessint sol’e luna e lampizzende

Sas istellas che fogu iscintiddende.

 

Custa quinta die isto pensende

Chi bisonzat sas abbas popbulare

Nascana pisches intro de su mare

E crescant in sas abbas istrichende;

Sas puzzones in s’aria bolende

Passent e falent in terra abitare

Mottu tenzant de amorosa gherra

In s’aria pintas e in terra.

 

E in sa sesta die istabilire

Cherzo cun sa Divina podestate

Chi su terrinu pottat produire

Animales de ogni calidade;

Ei sa terra pronta in ubbidire

S’ordine de sa mia volontade

Animales de onzi razza naschere

Faghet in issa, pro viver’e paschere.

 

Ma pro poder sa terra guvernare

Cun tanta signoria dominante

Un’omine bisonzat de criare

A sa figura mia simizante.

Unu punzi de terra de impastare

Occurret e lu formo in cust’istante

E cun s’alenu meu naturale

Poi l’ispiro un’anima immortale.

 

Cun tegus happo criadu ogni cosa

Puzones, feras, pisches e armentos;

Istellas, sole, luna, abba e bentos

Pro chi rendat sa terra fruttuosa.

Mancat una cumpagna affettuosa

De dar’a tie pro viver cuntentos

In s’amenu giardinu ambos umpare

E poder’un’a s’ateru aggiuare.

 

Dareli sa cumpagna appo dezisu

E pro cussu motivu Adamu muro;

Unu sonnu profundu in iss’inspiro

Pro chi si drommat a tempus prezisu

Pro fagher sa cumpagna de improvvisu

Da iss’e tottu una costa nde tiro.

Accolla fatta e Adamu s’ischidede

E gai la connoschet e la idede.

 

Abberit s’oju Adamu e l’hat mirada

De belles’infinida favorida

E fissendel’appenas chi l’hat bida

Cuntentu l’hat a lumene giamada;

Eva li narat e cumpresu hada

Ch’est sa cumpagna sua de sa vida

Ca est’ossu e sa costa sua netta

E petta pura de sa sua petta.

 

Cun bois cumprid’happo veramente

Tottaganta sa mia creazione

Amadebos cun vera affezione

Un’a s’ateru sempre ubbidiente

Però chi non bos fue dai sa mente

Sa mia Santa Sacra avvertiscione.

Restad’in Santa paghe e mi dispedo

Sa mia benedizione bos cunzedo”.

 

Adamu (Contini)

“Eva, s’est su padronu dispedidu

Dai custu giardinu amenu tantu

E nos hat su guvernu cunsentidu

De tottu custu logu de incantu

Nos hat cudda pianta proibidu

Distinta in su giardinu tottugantu

Tocchende cussa pianta nodida

Nois perdimus paradisu e vida”.

 

 

Eva (Pirastru)

“Nar’ite siat s’atera pianta

Alta che issa e a issa vicinu

Ch’ispuntende es in su chelu tanta

Parent padronas de custu giardinu?”

 

Adamu

“Su Criadore Supremu e Divinu,

L’hat consentidu sa Virtude Santa,

De dar’a nois saludu assoluttu

Si manigamus de su sou fruttu.

 

Custos atteros fruttos ista attentu

Ch’in tottu su giardinu sunt naschidos

Su Criadore los hada eleggidos

A servire pro nois de alimentu;

Nos han’a dare sanu nutrimentu

E sunu bellos cantu saboridos

Unu nos dat sa vida, unu sa morte.

 

Eva

Sa pianta chi dat vida e ardore

Como connosco e t’happo a ubbidire;

Sighimus a girare pro ischire

Cantu bene ch’hat postu su Criadore

In custu logu de paghe e amore

E de felicidades a godire.

Paret ch’idat tottue s’oju meu

Fruttos de nutrimentu e de recreu.

 

Adamu

Lumenare ogni cosa istad’in me

Est de su Criadore determinu

Custas ervas ch’adornant su giardinu

Sunu tottu fiores, Eva cré,

Cust’est viola s’ateru pansé

Margheritina, lizu e colovrinu

Utiles tottu si non nezzessarios

Pro sos colores e proffumos varios.

 

Custas pius altinas e odorosas

Chi a distanzia sunu collocadas

Suni piantas de diversa rosas

Biancas, rujas, grogas velluttadas;

Custas puru sunt dalias famosas

Cales pius’o mancu proffumadas;

Tott’a segundu sa razza han’a dare

Su semene, e las torro a piantare.

 

Eva

Bellas sas piantinas fiorentes

Dai su Criadore piantadas;

Custas mannas chi parene imponentes

De linnas e de fozzas variadas

Ch’hant in sos rattos sos fruttos pendentes

De sos cales sunt bene garrigadas

Adamu, naram’ite fruttos sunu

Faghemilos gustare a unu a unu.

 

Adamu

Sos ojos bellos osservende gira

Chi las signalo a poddighe dogn’una:

Cust’est mendula, nughe, mela, pira,

Pessighe, barracocco, figu, pruna,

Su rattu abbascio tue nde la tira

Sa nespula ciprò groga e non bruna,

Assazzala e cumprendes su merittu

Chi tenet in su suzzu iscuisitto.

 

Eva

Ite sunt custas de sa parte manca

Chi parent ch’appant fruttos de avanzu?

 

Adamu

Cudda minuda rujita e bianca

Est cariasa de gustu licanzu,

Custu ch’hat a mudare dogni banca

Maduru e grogu si narat aranzu;

Est fioridu pro istintu sou

E hat fruttu maduru e fruttu nou.

 

Eva

Tott’est incantadu pro sa vista mia

Fruttos in altu e in terra fiores,

Maravigliosa custa cumpagnia

D olatiles mannos e minores

Chi si movene in motu de allegria

E si falant frusciende in sos albores

Arrejonende in dialettu insoro

Cun acuttos chi toccana su coro.

 

Adamu

Est bella sa familia olante

Cal’in sas pumas e cale in su cantu

Bi nd’hat minores de mantu brillante

Ma su frusciu non l’hant amenu tantu;

Su paone pro pumas triunfante

Paret chi estat su reale mantu

Pro bellesa, mancari cantet male

Ad’isse sa corona imperiale.

 

Musica maestosa e naturale

Formana su manzanu in sa prim’ora

Sa merula s’amena e adorada

Cun sa famos Calandra reale

Ma s’armonia pius geniale

S’intendet cant’ispuntat s’aurora

In su melodiosu rosignolu

Chi saludat sa die solu solu.

 

In s’Eden bellesas che nd’hat tantas

Chi a sa nostra coppia creschent briu

Cudda funtana formada unu riu

Pro abbare animales e piantas

Sighida a mirare tottugantas

Attenzione dae; pro como adiu

Chi ando a bier’abba e passa inoghe

E si no m’ides bettami oghe.

 

Serpente (Moretti)

Adamu s’allontanada, Eva avansada

Benzende custa band’a passu lentu.

A mie toccat de istare attentu

S’oju meu fuire no la lassada

Accolla ch’aculzu a mie passada

Rispettosu la giamu in su mamentu:

“Eva perdona e intende un’istante

Una cosa pro te interessante.

 

Pro bene ostru custu sanu avvisu

Ti do e no lu ponzas in olvidu;

Già chi padronos bos hat eleggidu

De s’amenu terrestre paradisu

Nara proite Deu hat dezisu

E bos hat vinculadu e prinbidu

De no esser padronos assoluttos

De manigare de tottu sos fruttos?”

 

Eva

“Eo rispondo appenas happ’intesu

S’ispiritosa dimanda imponente:

De ogni fruttu vicinu e attesu

Podimus manigare veramente

Ma dai custa pianta de mesu

Pro ordine de Deu Onnipotente

Non solu manigare nde devimus

Però si nde toccamus nois morimus”.

 

Serpente

“Est falzu, no est beru chi morides

Anzis vida bos chreschede e campades;

Bois sos ojos subitu abberides

E tando cant’e Deus cumprendides

E comente a isse cumandades

Ca bos dat connoschenzia uguale

Su fruttu de su bene e de su male”.

 

Eva

Mi paret tanti giusta s’avvertenzia

Chi poto cant’e Deus e cumprendo

Ch’unu disordine in s’anima intendo

In su mamentu e li dò udienzia.

Bellu mi paret su fruttu in essenzia

Ei sa manu a lu leare tendo

E nd’istrazzo su fruttu a mala oza

Cun su brazu tremendemi che foza.

 

Serpente

“Non tremare s’a mie has ubbididu

Eva, ca no ti nd’hasa a impudare

Chi has una gloria consighidu

Chi su tempus non podet consumare

Ma pro ischire cantu est saboridu

Adamu giama e gustadelu umpare”.

 

Eva

Lu giamat risoluta e ostinada

L’assazat prima e Adamu nde dada

 

 

 

Adamu

(No ch’aht ancora sa frutta ingullida

Ch’abberint s’oju ma frittos che nie).

Adamu narat: “Eva mira a mie

Ispizzadu, sa este m’est fuida”.

 

Eva

(Eva rispondet) “Ella no m’has bida

Ammie puru nuda che a tie?”

(E current cumprendende su castigu

A si estire de fozas de figu

Cuados pro irgonza e pro timore

Semus de piantas in su sinu).

 

“Adamu nar’iteste cussu rumore

De unu passu chi paret vicinu?”

 

Adamu

“Cussu est su passu de su Criadore

Benzend’a nos chircar’in su giardinu”

 

Criadore

“Ite faghes Adamu, inue sese?

Com’ischis cant’e deo, ides e crese”.

 

Adamu

M’agatto senza forza e senz’agiudu

Ispaventadu, tristu e affannosu;

In sas piantas so cuadu e nudu

Proite sò birgonzosu

Ca mi sò abizzadu chi sò nudu;

Sò a mi presentare dubbiosu

E bidendemi gai happo dezisu

De m’istare cuadu in paradisu.

 

Criadore

“Adamu com’has già prinzipiadu

A cumprender s’errore cummittidu

Chie t’hat fatt’intender’e avvertidu

Chi fisti nudu cuss’est peccadu

Ch’hasa fattu pro haer mandigadu

Su fruttu chi t’haia proibidu.

Com’ischis cantu dannu has fatt’a tie

E cantu perdid’has perdende ammie”.

 

Adamu

“Sa culpa de chi est podes ischire

De haer committidu su peccadu.

Sa cumpagna chi Tue m’hasa dadu

M’had’obbligadu a ti disubbidire;

Su frutt’issa nd’hat devidu boddire

L’assazzat prima e ammie nd’hat dadu.

Lusinghendemi facile m’acciappo

Pariat bonu e mandigadu l’happo”.

 

Criadore

“Eva mi nara: pro cale rejne

A fagher custu ti se’azzardada?”

 

Eva

“De su serpente sa tentazione

M’had’assora confusa e coglionada

Fra cantos animales in terr’hada

E bestias de ogni nazione”.

 

Criadore

“Tue Satana in forma de serpente

Tes’essere malaitu eternamente,

A matt’a terra has’andare istriscende

Cantu su tempus ti restat de campare

E pro tou sustentamentu has’a istare

Totta sa vida terra manighende.

Un’odiu profundu dominende

Tra sa femin’e tue had’a regnare

Non solu, ma sa femina una die

Sa testa deved’ischizzare a tie.

 

Tue femina puru has’a suffrire

De sos affannos s’amaru sabore.

Tottu sos fruttos de su tou amore

Chi tes’intro su sinu cuncepire

T’hant a dare disturbu e parturire

Los tes’e dar’a lughe cun dolore;

E tes’esser suggetta e cumandada

Dai s’isposu tou e dominada.

 

Tue Adamu poite has’iscultadu

Sa ogh’e sa cumpagna e non sa mia

E has ponzende mente manigadu

Su fruttu proibidu chi ti haia,

Su castigu cunforma su peccadu

Ch’has cummissu cumbenit chi ti dia

E pro cussu cuminzo a malaighere

Su terrinu chi subra t’had’a gighere.

 

In cussa terra, malaitta briga

Tes’haer de fastizu e pensamentu;

Has’a chircare in issa su sustentu

Cun pena, cun mattana e cun fadiga

E t’hat a dare ingrata che inimiga

De sos trabaglios pagu rendimentu

Produendedi dannos e ruinas

Tribulias, miserias e ispinas.

 

Su pane de sa vida temporale

Chi cun fadiga lu manighes creo

E gasie connosches cant’e deo

Su fruttu de su bene e de su male,

Ca de custa delizia immortale

Da oe su cumandu ti nde leo

E cun Eva pro viver cumprendides

Chi prima tribulades, poi morides.

 

Su paradisu terrestre lassade

No hazis pius diritu a lu godire.

De pedde custas tungas leade

Cun’issas imparade a bos bestire;

Su pane cun sudore trabagliade

Fin’a cando sa vida tet finire,

In terra cunvertidos una die

De sa cale fattesi Adamu a tie.

 

Da oe happ’a lassare una guida

Chi su giardinu fattat rispettare

Pro ch’Adamu non benzat a toccare

Custa pianta de s’eterna vida.

Un’ispada de fogu sempr’ardida

Brillante nott’e die had’a girare

Post’in manos de unu Cherubinu

Proibende s’intrada a su giardinu.

Annunci

In risposta al post “Perché non c’è il cimitero a Porto Cervo? Se non c’è la morte non c’è neanche l’acabadora!” di Roberto Carta

Ho letto il post del caro amico Roberto Carta, dal titolo significativamente evocativo “Perché non c’è il cimitero a Porto Cervo?“, e mi è venuto subito in mente Michelangelo Pira, nostro illustre compaesano, del quale ci sono rimaste molte opere importanti. Ma a mio avviso, è specialmente nel libro “Sos Sinnos” che Mialinu ‘e Crapinu è riuscito ad aprire la sua anima profonda di bittese, oschirese d’adozione, e mettere in parole quelle cose stesse che lui definiva inconcepibili in italiano, secondo la concezione stessa della parola parlata, ma che anzi assumevano un significato diverso se la stessa cosa era definita con la parola italiana o cun sa limba ‘e Mama, con la lingua della Mamma, la lingua della propria terra. E allora lo stesso suo nome, Michelangelo Pira, era sentito come il nome dello Stato, il nome della Scuola propria; il nome del cuore, della terra, de Babbu e Mama, era Mialinu ‘e Crapinu, il nome di quella Scuola impropria che sempre ha ricoperto fondamentale importanza nella produzione filosofica e antropologica di Mialinu.

Immagine

Allora, per tornare al post di Roberto, del quale vi invito alla lettura, credo che il senso della morte per queste realtà potrebbero essere ridiscusse e considerate sotto punti di vista antropologici e storici, fedelmente riportate da alcune parole del testo di Mialinu (anche se potrebbero essere utilizzate tutte), specialmente quando egli afferma la differenza tra gli uomini di città, “estitos che mortos in baule“, e di quella “zente de bidda” che incarna ancora e sempre quella vitalità che non si guadagna con il potere, con la fama, con il proprio nome scritto sui giornali, o la propria voce che offende le orecchie da una radio, o dalla televisione.

Immagine

Ma preferisco non dilungarmi troppo e lasciare direttamente a Mialinu il compito di spiegare, con la sua parlata bittese, quanto intende dire e quanto io intenda condividere del suo pensiero. La parlata bittese si può apprezzare se sentita in viva voce, ma letta forse assume coloriture forti e spigoli difficili da smussare: mi scuso se ho commesso qualche errore di scrittura, ma ritengo che il senso, comunque, sia comprensibile.

[…] Ma como, diat’esser tempus de mi torrare a bidda, e de bi lis contare de sa vita chi hachen’in zitate, e de bi lis’ispiegare chi sos chi si credent ominer vonos ca ‘nde ‘aeddan sos giornales, ei sa radio, e sa televisione, sunu, a narrer sa veritate, omineddos de pacu prus’a mancu, chi a sa zente savia nostra no diant’esser bonos mancu a li ligare sas iscarpas, si no haerent in manu totu su podere chi juchen e chi no ischin manch’issos proitte; ca d’onzunu de custos omineddos s’abbinzant chi no est fomine, ma est bia un’ingranaggiu de macchinas semper prus mannas e semper peus. Su chi mi timo meta, però, est chi sient diventatos carognas sos chi sunt restatos in bidda e chi de balenter veros no si ‘nd’acattet prus mancu inie! Chi a forzas de iscolas, de giornales, de televisiones, finamentra sos cumpanzos chi no hant appidu sa dilgrassia de cambiare pilu in zittate si siano venduti, si sien irmenticatos se su ch’ini. 

Custa zente de zittate! Chi no s’imbriacat mai! Chi misurat d’onzi paraula, d’onzi passu, e chi no ridet mai a iscracagliu, e chi cando riet movet e bia sas lavras, tottu a misura; e chi no ischit mancu pranghere cando b’hat de pranghere. Custa zente cheret timita. E a chie mi narat chi in bidda, pro una bria, b’hat zente chi si iocat a istoccatas, io rispondo che tutta quanta la gente in città la uccidono molto di più a colpi di penna, di emendamenti, di leggi, e prus e prusu de indifferenzia.

Custa zente de zittate! Chi istat dechinas e dechinas de annos chene si piccare un’imbreachera, cheret timita! Ca er zente morta! Chin su samben frittu che colovra.

Custa zente de zittate! Tottu chin s’arva hata, onzi die tottu lavata e bene estita, che mortu in baule, ieo la ido chi er zente morta. E mi naro su chi naraiat Achille a Ulisse cando si sunt abbovatos in sa idda ‘e sos mortos: chi er mezzus a esser zeraccu de unu zeraccu in mesu a sos vios, chi no a cumandare tottu sas trumas de sos mortos! E mi penso chi tottu sa pelea chi si picat custa zente morta de zittate, pro ider su lumen suo ei sa fotografia in giornale e in libros, o pro essire in televisione e pro abochinare lanas in sa radio, e in su telefono, e in iscolas, e in cunferenzias, e cussizzos, e uffizios, tottu custa mattana ‘e cuntierra appat unu mottivu ebbia: chi lu acan pro creder chi no sunu ispiritos e mancu animas degugliatas ma abberu pessones vias.

Ieo, cando ido sos lumenes e sas caras issoro, istampatas in sos giornales, o intenno sar voches issoro in sa radio, e mi los abbaito in televisione, ido chi sunu puppas, apparenzias vanas; ma issos inveze pessan: “Cussu so ieo e cheret narrer chi so viu, chi giuco una cara, e faeddo e appo unu lumene”. 

Est tottu un ingannu. Una tropea chi si sunt postos issos mattesi. Ma est unu contu longu. Ma si che ocamus tottu sa lana chi c’hat ammuntonatu supra seculos e seculos de ‘aulas, di bugie, si potet incurziare e ribuluziare.

 

Cagliari, Edizioni della Torre, 1983
Sos sinnos
Michelangelo Pira
Immagine

 

Non saprei aggiungere altro. Dopo che leggo queste parole, le leggo a voce alta, mi meraviglio sempre per i brividi che, anche in giornate afose, riesce a provocarmi questa voce profonda di Michelangelo Pira. E allora in queste parole trovo le risposte a quanto si domandava Roberto, sul senso dell’avulsione dalla morte che gli abitanti di quei luoghi fuori dal mondo tentano di conquistare, e qua torna in aiuto Mialinu, e mi piace riprendere una sua frase: “E mi penso chi tottu sa pelea chi si picat custa zente morta de zittate, tottu custa mattana ‘e cuntierra appat unu mottivu ebbia: chi lu acan pro creder chi no sunu ispiritos e mancu animas degugliatas ma abberu pessones vias”.

Silenzio.

 

Enrico Berlinguer, 1984-2014. A trent’anni dalla morte.

30 anni fa’ moriva Enrico Berlinguer. Non posso riferire ricordi, ne le impressioni dirette che la morte del segretario del PCI ebbe su di me, perché quando ciò accadeva, in quella stessa città dalla quale scrivo ora, Padova, io avevo appena 19 giorni di vita e mia Mamma non mi lasciava guardare la tv.

Però Enrico Berlinguer ha sempre ricoperto un ruolo importante nella mia vita, almeno dall’adolescenza fino ad oggi, perché da sempre mi sono impegnato in quella pratica che vide il mio conterraneo impegnato in nobile esercizio di virtù: la politica. Questo breve scritto ha l’intento un po’ biografico, un po’ di polemica politica, e un po’ per rimpiangere un uomo che, in quanto tale ha assolto l’unica, ineluttabile sorte che ogni uomo condivide con tutti gli esseri viventi: la morte.

Immagine

Oggi non si può scrivere di un uomo come lui con quella necessaria serenità che porta alla valutazione storica di una figura che ha incarnato l’ideale di una data parte politica ben definita, e di questo stato delle cose, con rammarico, siamo costretti a registrare la medesima situazione anche per altri uomini politici italiani, i quali, non senza ombre, senza glorie, senza infamie hanno comunque assunto ruoli di primaria importanza all’interno della gestione della cosa pubblica. Questa serenità di considerazione nei confronti di questi uomini, Berlinguer, Almirante, Fanfani, Cossiga, Andreotti, Craxi, Togliatti e molti altri, forse la guadagneremo fra qualche decennio, ma ancora oggi facciamo i conti con una concezione della storia che debba per forza piegarsi alla concezione utilitaristica, nel senso di doverne per forza trarre profitto.

Immagine

Tornando a Berlinguer, ho rivisto il video del suo ultimo, drammatico discorso, pronunziato a Padova, quella sera del 7 giungo del 1984, quando un maledetto ictus lo colpì proprio mentre stava affondando la sua oratoria nel ventre molle di quella “questione morale” che lo aveva visto impegnato in battaglie senza fine e senza sosta. Nella sostanza di quello che è stato, un po’ a ragione e un po’ a torto considerato il suo testamento, l’ultimo discorso di Enrico Berlinguer ha ricalcato la storia del partito comunista italiano da quel sostanziale punto di vista che poteva permettere al suo segretario di non sentirsi, a ragione, collegato a quella politica del malaffare che da li a pochi anni, neanche dieci, sarebbe esplosa nello scandalo noto come Tangentopoli.

« […] Ma ancora una volta si è dimostrato che non è possibile in Italia salvaguardare le istituzioni democratiche se si escludono i comunisti […] perché il Partito Comunista ha assunto e difeso una funzione di garante democratico. Chi voglia escludere il Partito Comunista, chi voglia governare contro questo partito, che rappresenta da solo un terzo dell’elettorato ma anche la parte maggiore della popolazione attiva, lavoratrice, impegnata, giovane porta i risultati di dissesto e di caos che in queste ore sono sotto gli occhi di tutti. E questo è il motivo principale per cui noi riteniamo di poter chiedere, con tranquilla coscienza, il voto anche ai militanti ed elettori del Partito Socialista, anche ai cattolici democratici, a una parte grande degli stessi democristiani; a quanti sentono che siamo arrivati a un momento in cui tornano in gioco le questioni essenziali della libertà e della democrazia. I comunisti hanno dimostrato anche negli ultimi mesi di sapersi battere per garantire le libertà e i diritti democratici non solo per sé stessi in quanto opposizione ma per tutti, anche per chi non è comunista, anche per chi è avversario dei comunisti!»

Una lettura di queste parole, a distanza di “soli” trent’anni, risulta quasi incomprensibile, perché non è calata in quella temperie culturale e sociale che allora vedeva coinvolta quella classe politica che subiva il fascino degradante del potere tout-court, senza rendersi conto di condizionare la propria esistenza secondo l’andamento della tangente. Qual’era la battaglia per garantire i diritti e la libertà a cui Enrico Berlinguer faceva riferimento? E’ ravvisabile una velata minaccia in quel dire che “non è possibile in Italia salvaguardare le istituzioni democratiche se si escludono i comunisti”? Che scenario si apre ad una contestualizzazione storica di queste frasi nel momento in cui era al governo Bettino Craxi col famoso e vituperato Pentapartito?

Immagine

Aldo Moro: 23 novembre 1974 – 12 febbraio 1976, 12 febbraio 1976 – 29 luglio 1976;

Giulio Andreotti: 29 luglio 1976 – 11 marzo 1978, 11 marzo 1978 – 20 marzo 1979, 20 marzo 1979 – 4 agosto 1979;

Francesco Cossiga: 4 agosto 1979 – 4 aprile 1980, 4 aprile 1980 – 18 ottobre 1980;

Arnaldo Forlani: 8 ottobre 1980 – 28 giugno 1981;

Giovanni Spadolini: 28 giugno 1981 – 23 agosto 1982, 23 agosto 1982 – 1 dicembre 1982;

Amintore Fanfani: 1 dicembre 1982 – 4 agosto 1983;

Bettino Craxi: 4 agosto 1983 – 1 agosto 1986.

Ho riportato le date degli ultimi governi, partendo significativamente dall’ultimo governo Moro, del quale conosciamo la fine e la totale incapacità di quella stessa politica della quale Enrico Berlinguer faceva parte. Ma l’intento dimostrativo che intendevo offrire era la costante di cambiamento repentino del quale soffriva il governo italiano: governi balneari, governicchi, governi temporanei e di transizione: tutto, fuorché Governi interessati all’effettiva gestione dell’Italia, anzi più interessati a quell’apporto di potere e di danaro che la macchinazione di palazzo poteva portare nelle casse di partito. L’Italia in quel periodo era in pieno fermento, nella lotta contro la criminalità organizzata, contro il terrorismo di destra e di sinistra, nella battaglia di quella “questione morale” sollevata proprio da Enrico Berlinguer e che ancora non si è risolta.

«[…] Negli anni scorsi si è molto parlato di Padova in Italia per le tormentate vicende che essa ha vissuto in conseguenza della concentrazione di forze terroristiche che qui si è formata e per la lotta ampia e tenace contro di esse condotta dalle forze vive della città. In questa lotta decisiva è stata l’alleanza tra i lavoratori e le forze della cultura e dell’Università; decisivo è stato il ruolo che hanno svolto i comunisti padovani. Proprio quella grande lotta democratica contro l’eversione ha rivelato a Padova la presenza di grandi energie, dinamiche, progressiste, sia in campo laico che in campo cattolico. In primo luogo quelle da tradizione universitaria, laica e della libera ricerca, espressione nei secoli di un pensiero che non si piega ai dogmatismi e ai fanatismi. Qui a Padova, nello studio che fu di Galileo e di altri grandi pensatori, vi è una delle radici culturali che da ragione della vigorosa azione svolta dalla intellettualità e dell’Università nell’antifascismo e nella guerra di Liberazione nazionale. […]»

Immagine

Padova non era una realtà unica, e Berlinguer parlando della lotta di Padova a quell’estremismo ideologico che aveva caratterizzato la storia ultima, si riferiva a tutta l’Italia, alla situazione di connivenza latente che si registrava nei confronti di quegli ambienti troppo permissivi riguardo al terrorismo dei “compagni che sbagliano”.

La storia di quel drammatico momento della vita di Berlinguer precipita nel male fisico quando il discorso sta raggiungendo la fine, che diverrà poi necessaria per l’emorragia interna in atto in quegli istanti. Ma il dolore dovuto all’ictus non impedirà comunque al Segretario di affidare a chi lo stava ascoltando, una consegna fondamentale per la vita politica del partito:

« […] E ora compagne e compagni, vi invito a impegnarvi tutti, in questi pochi giorni che ci separano dal voto, con lo slancio che sempre i comunisti hanno dimostrato nei momenti cruciali della vita politica. Lavorate tutti, casa per casa, azienda per azienda, strada per strada, dialogando con i cittadini, con la fiducia per le battaglie che abbiamo fatto, per le proposte che presentiamo, per quello che siamo stati e siamo, è possibile conquistare nuovi e più vasti consensi alle nostre liste, alla nostra causa, che è la causa della pace, della libertà, del lavoro, del progresso della nostra civiltà!»

Dopo sarà il rientro all’hotel Plaza, la corsa all’ospedale Giustinianeo e la morte, avvenuta l’11 giugno, quattro giorni dopo quelle memorabili parole che non possono non entrare nell’anima di chi, al di là delle ideologie, delle appartenenze partitiche, dell’interesse politico di parte, ha sempre ritenuto la politica come arte sopraffina al servizio della gente. Berlinguer a questo si riferiva. Non ad altro. Per questo combatteva, non per altro.


Immagine

 

Se non siamo d’accordo sull’operazione condotta contro Mircea Eliade.

No, no, no e ancora una volta no! Non ci sto a farmi trascinare dalla corrente, nell’asservimento ai baroni, i quali pretendono dall’universitario un appassimento su nozioni, categorie e concetti che sono patrocinati dai loro alti intelletti, e per questo creditori di alta stima.

Immagine

Mircea Eliade

Ho incontrato diverse volte la figura di Mircea Eliàde nei corsi di studio di Antropologia, di Etnografia, di Storia delle Religioni, e sempre (ca**o! sempre!) ho riscontrato una contrapposizione partitica alle posizioni e al pensiero dell’illustre maestro rumeno.
Si può essere favorevoli o contrari a qualunque pensiero espresso da chicchessia: ma essere contrari perché così dicono i baroni, questo suscita in me una contrapposizione a priori!
Immagine

Raffaele Pettazzoni

 

Raffaele Pettazzoni riconosceva il posto che spetta alla religione all’interno della realtà umana: essa appartiene elettivamente alla sfera dello straordinario, anche se può partecipare episodicamente del mondo della norma.

“Non bisogna erigere l’eccezione a norma! Il dato positivo è la norma, la routine, la vita quotidiana dell’uomo. L’eccezione sono i momenti di vita più intensa. […] NOn è vero che solo il mondo degli archetipi è realtà: anche la storia è realtà, perché tuta la vita è realtà”.
R.Pettazzoni, Gli ultimi appunti, 1960.

 

L’individuazione di tali princìpi-guida rappresenta il frutto di un intenso dialogo intellettuale che Pettazzoni ha saputo instaurare con Mircea Eliade, padre dei presupposti ideologici della fenomenologia religiosa.

E’ doloroso, invece, leggere lo scontro tra il professor Ernesto De Martino e Eliade, ma tale polemica (al pari di quella che ha opposto Pettazzoni a Eliade) rappresenta un caso fecondo e ricco di stimoli, il cui significato, al di là delle personalità dei due studiosi, riguarda due orientamenti di pensiero ancor oggi ben presenti nella nostra cultura.Immagine

Ernesto De Martino

Per Eliade, il divenire in quanto tale possiede una valenza fortemente negativa: l’immersione nel sacro offre l’occasione di compiere una fuga salvifica dall’irrealtà della durata profana. De Martino, dal suo canto, assume come presupposto della sua riflessione teorica non la negatività del divenire in sé, ma quella di alcuni particolari segmenti del divenire, definiti come “momenti critici del divenire”. In un celebre saggio lo studioso italiano delinea il carattere di tali momenti e, soprattutto, ragiona sul rapporto che li lega intimamente alla dimensione del sacro.

I momenti critici dell’esistenza possono essere quelli connessi alla ricerca del cibo e alla nutrizione, alla fabbricazione e all’impiego di strumenti tecnici, ai rapporti sessuali e alla crisi della pubertà, al rapporto col nemico o con lo straniero, all’attraversamento o all’occupazione di territori nuovi […]. in tutti questi momenti la storicità sporge, il ritmo del divenire si manifesta con particolare evidenza, il compito umano di “esserci” è direttamente e irrevocabilmente chiamato in causa, qualche cosa di decisivo accade o sta per accadere, costringendo la stessa presenza ad accadere, a sporgere a se stessa, a impegnarsi e a scegliere: il carattere critico di tali momenti sta nel fatto che in essi il rischio di non esserci è più intenso, e quindi più urgente il riscatto culturale: per quel che concerne i modi di questo riscatto, ci limiteremo qui al grande tema della destorificazione religiosa. Il divenire angoscia, soprattutto nei momenti critici dell’esistenza: l’istituto religioso della destorificazione sottrae questi momenti alla iniziativa umana e li risolve nella iterazione dell’identico, onde si compie la cancellazione o il mascheramento della storia angosciante.

E. De Martino, Fenomenologia religiosa e storicismo assoluto cit., pp. 18-19

La citazione di questo non facile passo demartiniano necessita, per penetrarne la sostanza, di un chiarimento preliminare di una serie di concetti: primariamente, il carattere critico dei momenti in questione non dipende da fatti d’ordine naturali, ma rappresenta il riflesso dell’importanza cruciale che essi assumono all’interno di una struttura economico-sociale. Importanza cruciale il quale peso ricade sui soggetti umani che sono chiamati a fronteggiarli. Entra in tal modo in considerazione un fattore che gioca un ruolo-chiave nel sistema teorico messo a punto da De Martino: il soggetto umano, inteso in senso prevalentemente (ma non esclusivamente) collettivo. Ma non di soggetto umano in senso generico si tratta, bensì di presenza umana nel mondo. Tralasciamo in questa sede il tentativo di circoscrivere il concetto di presenza demartiniano, rimandando alla lettura del testo Storia e Metastoria. I fondamenti di una teoria del sacro, Lecce, 1995.


Per concludere, sul confronto De Martino-Eliade, si può affermare legittimamente che per entrambi il ricorso alla sfera del sacro ha una funzione salvifica e che per entrambi il nesso religione-crisi possiede un rilievo centrale. La specificità della riflessione di De Martino risiede nel fatto di considerare l’adozione del simbolismo mitico-rituale necessaria in certi casi peculiari, e non sempre. Si tratta di una misura culturale atta a far fronte ai pericoli estremi insiti nel divenire e, dunque, finalizzata in ultima analisi a restituire l’uomo al piano del divenire storico, dove risiedono le sole possibilità di umana realizzazione.

Va da sé, quindi, che lo studio di personalità controverse come quella di Mircea Eliade, si possa liquidare con un apparentamento a idee politiche fuori dal contesto culturalmente promosso oggi. L’approfondimento delle nozioni di questo illuminato maestro dovranno, a mio modesto parere, ritornare basilari per la rivalutazione della storia religiosa, cammino non disgiunto da una rimodulazione della storiografia, anche bibliografica.

Ernesto De Martino, Raffaele Pettazzoni, Rudolf Otto, Lévi-Strauss e tutti gli altri, non possono essere separati dall’apprendimento e dalla conseguente comprensione del pensiero eliadiano.

Questo è quanto. Forse…

tra le fonti, anche:

Storia delle religioni e antropologia (M. Massenzio)

La dissoluzione delle diocesi di Castro, Bisarcio e Ottana (1503)

E’ dell’8 dicembre del 1503 la bolla Aequum reputamus, con la quale papa Giulio II da seguito, quasi frettolosamente, alla riorganizzazione ecclesiastica della Sardegna, avviata dal suo predecessore Alessandro VI Borgia (fatto salvo Pio III, regnante per soli 10 giorni) e voluta fortemente dal re di Aragona, Valencia, Sardegna e Maiorca Ferdinando II il Cattolico.

Dico frettolosamente perché l’anziano papa Giulio II era salito al soglio petrino il 26 novembre 1503, e solo 12 giorni dopo dava seguito a questo documento, che di fatto creò non poche proteste, anche violente, da parte della popolazione e delle autorità locali. Nella fattispecie in oggetto, il trasferimento della sede capitolare da Castro, Bisarcio e Ottana, avvenne addirittura a favore di Alghero, che già all’epoca poteva considerarsi come enclave catalano-aragonese, la quale distava parecchi giorni a cavallo.

Immagine

Dovremo aspettare il 9 marzo del 1803 per veder ricostituita una diocesi più centralizzata, quella di Bisarcio-Ozieri, per i territori di Bisarcio e Castro, e il 31 dicembre 1938, quando, con decreto della Sacra Congregazione Concistoriale, il comune di Ottana fu scorporato dalla diocesi di Alghero e annesso alla giurisdizione della diocesi di Nuoro.

L’interrogativo che ci poniamo intende misurare l’influenza esercitata dalla casa reale aragonese nei confronti del papato. Alessandro VI, nato Roderic Llançol de Borja, era spagnolo, e dunque la sua propensione all’iberizzazione della Sardegna è fuor di dubbio. Dopo di lui è papa Pio III, insediato per soli 10 giorni, e a lui succede quel Giulio II, difensore degli artisti e celebre papa del Rinascimento che darà seguito a questa riorganizzazione sicuramente discutibile.

Con questi presupposti si possono avviare studi riguardo la nomenclatura episcopale delle diocesi in oggetto, ovvero quanto esse fossero riferibili alla sfera d’influenza spagnola. Analizzando la cronotassi dei vescovi delle diocesi, avremo:

Castro

Immagine1493 – 1496 Melchiorre de Tremps;

1496 – 1501 Giovanni Garsia, benedettino di Gerona, Catalogna;

1501 – 1509 Antonio de Toro, minore, maestro in teologia. Tuttavia, fin dall’8 dicembre 1503, Giulio II aveva disposto che le sedi di Castra e di Bisarcio sarebbero state unite a quella di Ottana e questa traferita ad Alghero. Queste sedi formarono effettivamente la diocesi di Alghero fino al 9 marzo 1804, quando verrà ripristinata la diocesi di Bisarcio-Ozieri con buona parte dei territori delle antiche diocesi di Bisarcio e di Castro.

 

Bisarcio

    Immagine

1486 – 1490 Garcia Quixada, minore e professore di teologia;

1500 Giovanni, minore, penitenziere apostolico.

 

Ottana

  Immagine

1483 – 1501 Domenico de Milia, canonico di Sassari;

1501 – 1503 Giovanni Perez, parroco in diocesi di Cuenca.

A parte qualche eccezione, è chiara la provenienza spagnola dei vescovi degli ultimi anni di vita delle diocesi. E questo è un elemento chiave per la comprensione di questo importante movimento territoriale, il quale, come già accennato, non si compì senza una forte e violenta protesta popolare.

La storia della diocesi di Castro è da scrivere anche in vista di questo drammatico accadimento. Ed è quello che intendiamo fare.