1390544_663255480374710_1755334302_n

La chiesa si inserisce in contesto campestre a circa 2 km dal paese, in un ambiente tipico per flora e fauna mediterranea, ma assolutamente particolare per l’isolamento acustico che, fatto salvo una stradina interpoderale che costeggia il podere entro il quale si colloca l’area archeologica in questione, circonda surrealisticamente il tutto. Superato il cancello che chiude la via d’accesso al sito si raggiunge la chiesetta che si trova dirimpetto a ciò che viene comunemente chiamato “Altare”, per la sua conformazione, con tutte le sue figure geometriche ed i simboli pre-cristiani.

La chiesa riporta sulle facciate due volti umani stilizzati di trachite e un’iscrizione datata 1492, mentre la pergamena scoperta durante i lavori di restauro riporta la data di consacrazione, officiata dal vescovo di Castro De Toro, al 1504. All’interno la chiesa si presenta in forme estremamente semplici, con un ambiente originariamente mononavato, al quale venne poi affiancata una navatella sul lato sinistro, che è separata da quella principale tramite tre ampi archi. Di particolare interesse sono i capitelli in stile aragonese all’interno della chiesa, riposizionati in epoca recente e probabilmente provenienti da altro luogo. La statua del santo, lignea e di fattura comune, è stata anch’essa restaurata in tempi recenti, ed è ora protetta all’interno di una teca di legno e vetro.

Il sito di Santo Stefano è, sin dai tempi più remoti, un centro di intensa spiritualità, e per questo è semplice ritrovarvi reperti certamente riconducibili ai culti precristiani. Anche all’interno della chiesa, infatti, è possibile trovare un piccolo betilo, riadattato ad acquasantiera. Nelle immediate vicinanze alla collinetta dove sorge la chiesa sono riconoscibili, all’occhio dell’attento osservatore, i resti di un tempio nuragico e nel circondario sono presenti 5-6 sepolture ipogee, impropriamente dette domus de janas, (case delle fate), che di fiabesco avevano ben poco, ma che nella cultura popolare si narra ospitassero spiriti maligni, le janas appunto.

Nel lato meridionale della chiesa si apre l’ingresso secondario, reso però importante, quasi più del principale, dalla presenza di un architrave di trachite che reca un’incisione ancora oggetto di studi e di interpretazione. Le varie teorie spaziano dalla scrittura bizantina a un logudorese tardomedievale: in tutti i casi però, pare assolvere a valore testimoniale per la committenza. Una data tuttavia pare metta d’accordo tutti gli studiosi (pochi) che se ne sono interessati: il 1492, presente nell’iscrizione nella forma M°CCCCLXXXXII. In una conferenza del giugno 2008, svoltasi a Oschiri, l’epigrafista Gigi Sanna parlò di una tale donnai Masala[1], sua interpretazione della scritta epigrafica e che viene affermato sia colei che concesse la terra perché venisse edificata la chiesa: l’interpretazione di Sanna che vuole assegnare la parola donnai alle altre due molto simili di mammai e di babbai – quest’ultima utilizzata ancora oggi per definire uomini di grande prestigio, specialmente i sacerdoti – probabilmente non tiene conto di un’altra similitudine: quella con la parola donnikella o donnikellu, estrapolata dai documenti medievali come i condaghes e che era riferibile principalmente alla progenie dei giudici o comunque a figure potenti della nobiltà sarda. Un’altra precisazione che intendiamo fare riguarda un secondo nome che secondo il Sanna comparirebbe nell’epigrafe: quello di Alesio Allodu. A mio avviso ciò che si ritiene come cognome del tal Alesio, altro non è che la qualifica della persona. Mi riferisco infatti alla proprietà allodiale, ovvero quando essa era piena e definitiva, differenziandosi dal feudo o beneficio, con i quali si indicavano invece i beni ricevuti in concessione da un signore dietro prestazione di un giuramento di fedeltà (il cosiddetto omaggio feudale o vassallatico). Ciò non inficerebbe la teoria del Sanna, ma contribuirebbe a una maggiore definizione epigrafica, che in realtà non c’è.

A mio avviso però, l’interpretazione che ha maggior riscontro, anche documentale e dei nomi che comparirebbero nell’architrave, è quella di Gian Gabriele Cau, il quale afferma che la scrittura reciti quanto segue:

+ YhS[sus]

M°CCCCLXXXXII A[nno] D[omi]NI MA[st]R[u] B[ustian]U M[urr]AI

CUM E[piscopus] F[rater] A[gostinianu]S C[res]PO IOAN[nes] F[raig]U MA FATU

 

secondo l’autore da tradursi: “+ Nel nome di Gesù, nell’anno del Signore 1492, il maestro [da intendersi come capomastro muratore,Ndr] Sebastiano M(urr)ai, allorché (era) vescovo il frate agostiniano Crespo Giovanni, mi ha edificato [alla lettera: fabbrica mi ha fatto, Ndr]”[2].

epigrafe santo stefano

Il riscontro lo abbiamo dal nome di Giovanni Crespo, il quale fu vescovo di Castro dal 1490 al 1493, anche se poi la chiesa, come risulta nella pergamena chirografa, scritta con una spigolosa grafia tardogotica corsiveggiante, e ritrovata nell’altare durante gli ultimi restauri, riporta la data di consacrazione nel 1504, quando vescovo era De Toro[3].

10425999_777281042305486_471212470_o
An(n)o M(illesimo)D(ucentesimo)IIII.XXV. aprilis. Ego A(ntonius) Dethoro Ep(iscop)o castrensis co(nse)cravi eccle(si)a / et altare hoc in honorem s(anc)ti Stefani. Et reliquias Beatorum martir<um> [così in A] Naboris / et Felicis et Laurenti in eo inclusi. Singulis (Christ)i fidelibus hodie un(um) annu(m). et in die / an(n)iv(er)sario (con)secra(ti)onis XL dies de v(er)a indungencia concedens in forma ecclesiae.

Finché non verrà effettuato unoaltare santo stefano oschiri scavo archeologico, che dovrà indagare anche la zona sottostante la chiesetta oltre che tutto il circondario, il maggior interesse nel sito è dato dal cosiddetto Altare rupestre, per la posizione frontale con la quale si presenta, decorato con una serie di incavi disposti su due registri: quello inferiore, che ne riporta dodici triangolari e quadrati; e quello superiore, con nove triangolari, quadrati e uno rotondo. Osservando frontalmente l’altare, sulla destra si può vedere una serie di coppelle disposte in cerchio in numero di dodici circolari racchiudenti una coppella centrale più grande e sormontate da una tredicesima coppella posta esattamente in corrispondenza del nord. Ancora più a destra una nicchia orizzontale perfettamente rettangolare è coronata da una serie di nove coppelle del diametro di circa 5-10 cm ciascuna. A sinistra dell’Altare si trova un’altra roccia che riporta ancora due nicchie triangolari e un bancone che, si pensa, sia stato utilizzato o per la deposizione di offerte votive o per espletare il rito dell’incubazione. A destra delle nicchie appena descritte, dietro l’Altare si trova una teoria di tre coppelle quadrate, disposte a scaletta da sinistra a destra per chi guarda. Tutto intorno il sito è disseminato di incisioni su roccia riportanti figure geometriche tra le quali losanghe, cerchi, quadrati, il più dei quali “cristianizzati” dalla giustapposizione della croce. In altri casi la croce invece è da datarsi allo stesso periodo dell’Altare. Riguardo a quest’ultimo dato, la datazione, le teorie più disparate vogliono destinare la realizzazione del sito in un arco di tempo che va dal periodo Neolitico, a quello bizantino o comunque successivo alla venuta di Cristo. La realtà di una necropoli ipogeica, presente come già detto in numero di 5, forse 6 tombe ipogeiche, denominate domus de janas, fornisce l’indizio di una frequentazione senz’altro inquadrabile cronologicamente nel Neolitico recente (cultura di Ozieri 3500-2700 a.C.) e nell’età del Rame (III millennio a.C.)[4]. La particolarità del area e l’attuale assenza di un lavoro di scavo e di indagine archeologica su un sito così particolare, definito unicum nel Mediterraneo, hanno fatto sì che le teorie interpretative più fantasiose venissero messe in circolazione; l’unico dato positivo che si riscontra è l’attuale interesse che questo monumento sta riscuotendo, anche nell’amministrazione comunale di Oschiri, oltre che in una tipologia di turismo colto[5].

[1] http://gianfrancopintore.blogspot.com/2008/06/astrade-macch-solo-donna-masala.html

[2] Cau Gian Gabriele, Scritture dal passato – L’epigrafe documentale dell’edificazione della chiesa di S. Stefano di Oschiri (1492), pp. 382-386, in Almanacco Gallurese, 2011.

[3] Un errore nel quale spesso si incorre riguardo le notizie su questa chiesa, è la data di consacrazione: l’Amadu infatti riporta in appendice al libro La diocesi medievale di Castro, la trascrizione della pergamena, datandola erroneamente al 1503. Da una semplice lettura dell’originale è però chiarissimo che la data è 1504. La differenza di un anno, in questo contesto, è importantissimo perché dimostra che De Toro, seppur la diocesi fosse formalmente soppressa nel 1503 dalla bolla Aequum Reputamus, ancora esercitava le sue funzioni episcopali. Inoltre non è secondaria la questione dello stile di datazione, ovvero la differenza tra il cosiddetto “stile ab incarnatione”, osservato a Pisa, e il cosiddetto “stile moderno”, detto anche “stile dell’Incarnazione al modo fiorentino”, impiegato in molte città dell’Italia medievale, come a Firenze e a Piacenza. Il primo si basava sul meccanismo di far iniziare l’anno il giorno 25 marzo (festa dell’Annunciazione della Vergine Maria, quindi dell’Incarnazione di Cristo), anticipandone di nove mesi e sette giorni l’inizio rispetto allo “stile moderno” o “stile della Circoncisione”, ancor oggi in uso, che indica il giorno 1 gennaio come primo dell’anno. Lo stile impiegato a Firenze, invece, indicava anch’esso il 25 marzo come primo giorno dell’anno, ma ne posticipava l’inizio di due mesi e ventiquattro giorni rispetto all’uso moderno. Le date espresse secondo lo stile ab incarnatione e quelle secondo lo stile fiorentino, in entrambi i casi indicate nelle fonti dell’epoca con la formula “anno ab Incarnatione Domini”, differivano dunque di un anno esatto. Nel nostro caso però, la lettura della data nella pergamena di Santo Stefano non sarebbe ascrivibile al caso del diverso stile di datazione, quanto più a un errore di lettura.

[4] Sotgia Giovanni Daniel. Il sito archeologico di Santo Stefano, in comune di Oschiri, pp. 426-427 in “Arte e comunicazione nelle società pre-letterate”. Ed. Jaca Book, Milano, 2011.

[5] Mi sia consentito in questa sede ricordare l’impegno profuso in questa meritoria opera di valorizzazione dall’Ispettore Onorario per la Soprintendenza per i Beni Archeologici di Sassari e Nuoro, nonché presidente dell’associazione culturale Su Furrighesu Giorgio Pala, il quale fa anche da guida in questi meravigliosi siti ed è, senza ombra di dubbio, una delle persone al quale mi sono rivolto con maggiore fiducia per reperire alcune notizie sul territorio.

Advertisements

Un pensiero riguardo “La chiesa di Santo Stefano e l’altare rupestre

  1. Bene Daniel, il post rende l’idea delle difficoltà interpretative del sito e del lungo percorso di conoscenza/coscienza che ha riguardato, e ancora riguarda, sia la comunità scientifica che quella oschirese. Come tu sottolinei nelle note, il lavoro di Giorgio Pala è stato encomiabile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...