Prime attestazioni dell’episcopato castrense

Condague de sa Abadia de sa SS. Trinidade de Saccargia, instituida et fundada dae su Sereniss. Constantinu de Laccon, Ree, et Juyghe qui fuit de Logudoro, cum sa Illustriss. Donna Marcusa de Gunale mugiere sua.

Inizia così il condaghe di solenne consacrazione della chiesa abbaziale della Santissima Trinità di Saccargia, databile al 1116.

Basilica_della_Santissima_Trinità_di_Saccargia.JPG
Basilica della SS. Trinità di Saccargia

È in questo lungo documento che ritroviamo la prima attestazione dell’esistenza dell’episcopato a Castro, importante diocesi del nord Sardegna, confinante a est con i territori sottoposti alla diretta tutela della Santa Sede, quelli delle diocesi di Civita e Galtellì, a nord con i territori di Ampurias e ancora di Civita, a ovest con la piccola Bisarcio e a sud con Ottana.

Nel documento oggetto di questo breve articolo, il vescovo di Castro è citato in forma anonima nella lista dei concelebranti la consacrazione della nuova basilica, assieme ad altri numerosi presuli.

Hue, vistu su sanctu Padre qui sa dimanda issoro fuit manna et justa, pro salude de sas animas cumandait a totu sos Prelados de Sardigna, qui vennerent a consecrare sa dicta ecclesia de sa Trinidade, et innivi ponnerent grande perdonu pro salvassione de sos christianos. Quales fuerunt su donnu de su Archiepiscopu de Turres, su donnu de su archiepiscopu de Oristanis, su donnu de su archiepiscopu de Calaris, misser Albertu episcopu de Sorra, misser Pedru episcopu de Bisarchiu, misser Pedru episcopu de Bosa, su episcopu de Sulcis, su episcopu de Castra, su episcopu de Flumen, su episcopu de Pioaghe, su episcopu de Ortilen, et ateros episcopos, abades, propres, canonigos, preideros, et ateros religiosos cum multitudine de gente et luminaria manna, cum devotas oraciones et oficios.

Il testo è da alcuni considerato di dubbia attendibilità, dato che fu compilato nel XVI o XVII secolo, anche se, forse, si basa su materiali genuini.

10026.jpg

Possiamo immaginare comunque la magnificenza della funzione di consacrazione di un così importante luogo di culto e di amministrazione del territorio, com’era l’imponente basilica di Saccargia, tanto che appunto papa Pasquale II ordinò a tutti gli ecclesiastici di Sardegna di partecipare alla celebrazione.

5584833988_55db6e95ee_o
Chiesa cattedrale di Nostra Signora di Castro

Una fonte sicuramente certa dell’esistenza della diocesi di Castro risale al 3 settembre 1127, quando il vescovo Adamo sottoscriveva la cessione in usufrutto della chiesa di San Michele di Plaiano a favore dei Vallombrosani, da parte dei canonici Santa Maria di Pisa.
Altre notizie su Castro riguardano, come anche nella fonte precedentemente analizzata, l’ordinaria amministrazione della diocesi, con notizie sui movimenti diplomatici, come quando, nel 1176 il vescovo Attone si univa agli altri prelati della provincia turritana nel riconoscere all’arcivescovo pisano Villano il titolo di primate e legato pontificio in Sardegna.