A regnare sulla diocesi di Ozieri troviamo, dall’8 aprile 1915 al 30 settembre 1918, Carmine Cesarano, nato a Pagani (SA) il 24 ottobre 1869. Sostituiva il vescovo Filippo Bacciu (4 aprile 1897 – 8 maggio 1914).

Dopo aver studiato nel seminario di Pagani e aver conseguito la laurea in teologia nell’Università Cattolica, fa il suo ingresso nel presbiterio il 23 dicembre del 1893. Il 17 maggio del 1898 esprime la sua professione solenne per l’ingresso nella Congregazione del Santissimo Redentore (C.SS.R.). L’8 di aprile del 1915 viene nominato da papa Benedetto XV vescovo di Ozieri, dove farà ingresso il 30 di maggio dello stesso anno. Lo stesso giorno riceverà l’ordinazione episcopale, consacrato dall’Arcivescovo di Salerno Carlo Gregorio Maria Grasso, O.S.B., coconsacranti il vescovo di Nocera de’ Pagani Giuseppe Romeo e dal vescovo di San Marco e Bisignano Salvatore Scanu.

Questi importanti avvenimenti della sua vita lo legheranno particolarmente alla diocesi di Ozieri, dal quale però verrà trasferito nel 1918, e sostituito dal piemontese Francesco Maria Franco (10 marzo 1919 – 18 settembre 1933)

Il 30 di settembre del 1918 viene nominato da Benedetto XV arcivescovo, e assegnato alla diocesi di Conza con ruolo di amministratore apostolico di Campagna. Quando l’arcidiocesi di Conza fu unita alla diocesi di Sant’Angelo dei Lombardi, fu eletto vescovo della diocesi di Campagna col titolo personale di arcivescovo1.

Durante il periodo conzano scelse di abitare a Campagna e, dopo aver sostenuto l’autonomia della diocesi campagnese, permise alla curia di entrare in possesso dell’ex convento della Madonna d’Avigliano, adibendolo a sede estiva del seminario. Nel 1925 inaugurò la parrocchia di Serradarce e l’ospedale di mendicità, e nel 1927, in concomitanza del centenario della fondazione del seminario, convocò il sinodo diocesano e realizzò a proprie spese un trono marmoreo per la cattedrale di Santa Maria della Pace, rimosso in seguito dal vescovo Jolando Nuzzi. Per le opere fatte alla diocesi di Campagna, l’amministrazione gli dedicò una strada e la cittadinanza onoraria2.

Nel 1927 fu trasferito alla diocesi di Aversa, dove morì il 22 novembre 1935.

 

_______________________

NOTE

  1. Per tutte le notizie biografiche cfr. http://www.catholic-hierarchy.org/bishop/bcesarc.html
  2. IZZO, Raccontare Campagna: Le persone illustri, 2005, p. 86-93.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...